Home Cinema Registi MICHAEL CIMINO
E-mail
MEMORIA E IMMAGINARIO. La seconda guerra mondiale nel cinema italianoMIMOUN

MICHAEL CIMINO

Giancarlo Mancini
2007
pp. 248
ill. b/n e col.
€14,00
ISBN 978-88-8012-402-3
Info su: Mancini Giancarlo

Se è vero che ogni artista importante pensa nella sua carriera una sola cosa, Michael Cimino sempre ha avuto al centro dei suoi pensieri e delle sue opere l’America. Negli anni in cui Hollywood rinasceva ad una nuova giovinezza creativa ed economica, i suoi film non hanno mai distolto l’attenzione dai temi cruciali da cui la sua generazione era ossessionata: la guerra del Vietnam, il rapporto tra l’uomo e la società, l’integrazione culturale ed economica delle minoranze, la demistificazione dell’ideologia consumistica in corsa verso l’egemonia. Impostosi già al secondo film, Il cacciatore, come uno dei grandi registi americani della sua generazione a cui tutto era concesso, con il successivo I Cancelli del cielo, viene relegato ai margini del sistema cinematografico holllywoodiano. Ma nonostante i numerosi anatemi e le difficoltà produttive che dopo quel film ne avrebbero flagellato l’opera, mai a Cimino si è potuta imputare la ristrettezza di vedute o l’accomodante rifugio in edificanti manufatti per il compiacimento del committente. Potenti ed al tempo stesso intrisi di una commovente fragilità i suoi film riflettono la costante adesione alla tradizione umanistica della cultura americana, democratica e civile. Oggi che uno sguardo critico dall’interno dell’America sembra in via di estinzione, soprattutto a causa del declino inesorabile della tradizionale forza del cinema indipendente, sempre più urge il recupero delle ragioni e delle problematiche di una generazione e di un regista come Cimino malati di libertà.


RECENSIONE SU CLOSE-UP

?









Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart