Home Cinema Registi MY NAME IS VIRZÌ. L’avventurosa storia di un regista di Livorno
E-mail
MUSICONEL SOLCO DELLA BIBBIA. Ricorrenze ebraiche viste da vicino

MY NAME IS VIRZÌ. L’avventurosa storia di un regista di Livorno

Alessio Accardo
Gabriele Acerbo

2010
pp. 336
inserto col.
€16,00
ISBN 978-88-8012-531-0
Info su: Accardo Alessio - Acerbo Gabriele

Prefazione di Gianni Canova

My name is Virzì è la storia semiseria del creatore di Ovosodo, Caterina va in città, Tutta la vita davanti, La prima cosa bella, raccontata da lui stesso e da trenta testimoni d’eccezione: dalla madre Franca a Sabrina Ferilli, e poi Massimo Ghini, Laura Morante, Claudia Pandolfi, Edoardo Gabbriellini, Valerio Mastandrea, Monica Bellucci, Furio Scarpelli, fino alla moglie Micaela Ramazzotti. Un quasi-romanzo sulla vita e i film del regista di Livorno, ma anche una carrellata sugli aspetti più ricorrenti del suo cinema: l’inadeguatezza degli eroi ragazzini, il fascino discreto della provincia, il ruolo salvifico delle donne, i finti happy end intrisi di struggimento.
Un viaggio pieno di sorprese sulle tracce di un uomo che conosce l’arte di far ridere e commuovere.

INDICE

Prefazione di Gianni Canova
Introduzione

L’avventurosa storia di un regista di Livorno

Parte prima
I. Franco e Franca vanno a Torino. Gli inizi; II. Piccola città, bastardo posto; III. Un apprendistato eclettico; IV. La scoperta del cinema; V. Paolo va in città; VI. A scuola da Furio Scarpelli; VII. Il mestiere di scrivere; VIII. Bruni & Virzì: la tradizione della coppia; IX. L’esordio; X. Vacanze a Ventotene; XI. Ritorno all’Ovosodo; XII. Struzzi in Val di Cecina; XIII. Odissea americana: da Providence a Toronto; XIV. Roma: zecche, conventicole e parioline; XV. Il poeta e il tiranno; XVI. Amore e Apocalisse al call center; XVII. Livorno, la prima cosa bella.

Parte seconda
I. La commedia dello struggimento; II. La poetica dell’inadeguatezza; III. Il fascino discreto della provincia; IV. Cinema e letteratura: Dickens e il romanzo di formazione; Citazioni e plagi; V. Cinema di parola: dialetto e voice over; VI. La verosimiglianza e lo stereotipo; VII. La politica. Dalla parte dei piedi; VIII. Baci, abbracci e corna. La famiglia e le donne; IX. Cacciatore di facce. Il mondo visto dai ragazzini;  X. Il personaggio sulla pelle. Il rapporto con gli attori; XI. La macchina cinema. Il regista; XII. Virzì e la critica. La soggettiva della melanzana; XIII. Non si soffre più. Il fine è (forse) lieto?; XIV. Virzismo. Una risata vi seppellirà.
Filmografia; Bibliografia; Indice dei nomi e dei film


 
http://www.youtube.com/watch?v=lVLT8Zfyq2I


 
   








Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart