Home Cinema Registi ROMAN POLANSKI
E-mail
ROBERT BRESSON. L'anima e la formaSAGA DI CARLO V E DI FRANCESCO I. LA GRANDE E LA PICCOLA MORTE

ROMAN POLANSKI

Alessandro Cappabianca
1997
pp. 182
ill. b/n
€12,00
ISBN 978-88-8012-052-0
Info su: Cappabianca Alessandro

Rosemary’s Baby, Per favore non mordermi sul collo, L’inquilino del terzo piano, Chinatown, Tess, Pirati, Frantic, Luna di fiele, La morte e la fanciulla... Roman Polanski, apolide folletto dalle sette vite, stretto in mezzo tra alcuni degli «ismi» più perniciosi del secolo - nazismo, stalinismo, perbenismo puritano -, si conferma, a distanza di trent’anni, protagonista di una delle esperienze cinematografiche più originali ed enigmatiche dell’intero panorama internazionale. Nel suo cinema, frutto di uno strenuo corpo a corpo, ora vincente ora perdente, con i fantasmi del cinema classico o di genere, Polanski ha riversato tutto l’impeto, disperatamente padroneggiato grazie a una grande maestria cinematografica, di ossessioni e nevrosi antiche. Per questo, i suoi film, anche quando sono realizzati all’interno del sistema produttivo ufficiale e sono popolati da star (da John Cassavetes a Jack Nicholson, da Nastassja Kinski a Walter Matthau, da Harrison Ford a Sigourney Weaver e Ben Kingsley), continuano a porre in primo piano, con una coerenza che non teme molti confronti, l’istanza adulta del cinema, quella che lavora sul versante oscuro della spettacolarità, quella in cui tutte le storie-ben-costruite si sbriciolano, alla fine, nella polvere inconsistente del dubbio, tra le mancanze, gli incidenti, i lapsus del visibile.








Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart