Home Cinema Saggi IL CINEMA DI BOB DYLAN
E-mail
IL CINEMA DI ARTHUR PENNIL CINEMA DI GUERRA AMERICANO 1968-1999

IL CINEMA DI BOB DYLAN

Rudy Salvagnini
2009
pp. 320
inserto colori
€16,00
ISBN 978-88-8012-481-8
Info su: Salvagnini Rudy

Candidato al Nobel, vincitore di innumerevoli premi e considerato una delle figure preminenti della cultura contemporanea, Bob Dylan deve la sua reputazione alle canzoni. Ma non si è limitato a quelle: ha applicato la sua creatività agli ambiti più diversi e in particolare al cinema, verso cui ha nutrito un’attrazione forte e continuativa.
Dal rockumentary per eccellenza (Don’t Look Back) alle prime visioni autoriali (Eat the Document), dalle performance come attore in Pat Garrett & Billy the Kid e Hearts of Fire ai film del tutto “suoi” come Renaldo & Clara o Masked and Anonymous sino ai film in cui c’è senza esserci (Factory Girl e Io non sono qui): questo libro traccia in modo completo il percorso non lineare e totalmente originale di Dylan all’interno del cinema, comprese le partecipazioni a film musicali generazionali come Festival, Il concerto per il Bangladesh e L’ultimo valzer. È valutata nel dettaglio anche l’opera di Dylan come autore di canzoni per film che l’ha portato a vincere un Oscar e non è trascurato l’impatto che le canzoni del suo repertorio hanno avuto nei più svariati film. Una corposa appendice esamina l’attività televisiva di Dylan, anche questa segnata da imprevedibilità e originalità. Filmografia, bibliografia e discografia completano il libro.
Regista, attore, compositore, interprete di se stesso e di personaggi fittizi, Dylan ha percorso il cinema nelle vesti più disparate, lasciando sempre sui film a cui ha partecipato un’impronta unica e realizzando un corpus autoriale complesso e affascinante che per la prima volta in Italia è affrontato in modo organico e approfondito.

INDICE

Introduzione

1. Il “film” perduto di Bob Dylan: The Madhouse on Castle Street; 2. Il documentario musicale per eccellenza: Don’t Look Back; 3. Prime prove d’autore: Eat the Document; 4. La stagione dei film concerto; 5. L’approccio con il cinema “vero”: Pat Garrett & Billy the Kid; 6. Il film di Bob Dylan: Renaldo & Clara; 7. Un film concerto con qualcosa in più: L’ultimo valzer; 8. Hearts of Fire: prove di riavvicinamento al cinema; 9. Canzoni e cameo per mantenere un contatto col cinema; 10. Masked and Anonymous: l’impossibilità di essere normale; 11. Il periodo della consacrazione: No Direction Home: Bob Dylan; 12. Dylan senza Dylan: il caso Factory Girl; 13. Io non sono qui… sono da qualche altra parte; Post Scriptum 1; Il cinema e le canzoni di Bob Dylan; Post Scriptum 2; Il cinema nelle canzoni – e non solo – di Bob Dylan; Bob Dylan e il piccolo schermo: breve storia di un rapporto per nulla lineare; Filmografia; Bibliografia; Discografia essenziale; Home Video; Indice nomi; Indice dei film; Indice delle canzoni

Recensione su Close-Up libri









Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart