Home Cinema Saggi IL MELODRAMMA FAMILIARE HOLLYWOODIANO. Gli anni Cinquanta
E-mail
IL LIBRO DEI PARCHI DELLA LIGURIAIL MESTIERE DI SCULTORE. Conversazioni con Enrica Zaira Merlo

IL MELODRAMMA FAMILIARE HOLLYWOODIANO. Gli anni Cinquanta

Roberto Manassero
2011
pp. 264
inserto foto colore
€16,00
ISBN 978-88-8012-547-7
Info su: Manassero Roberto

Le star, il Technicolor, il Cinemascope, le lacrime, gli amori, le famiglie, le case, gli scontri: il melodramma familiare hollywoodiano racchiude il cinema classico nel suo eccesso e nella sua complessità.
Soprattutto negli anni ’50 di Eisenhower e del benessere capitalista, negli anni che segnano l’età adulta dello Studio System e l’inizio della sua fine, i film che raccontano l’amore impedito e gli scontri familiari sono la cartina di tornasole ideale per osservare l’evoluzione stilistica, narrativa e pure ideologica di un intero sistema produttivo.
Pensato come prodotto commerciale strappalacrime, poi rivalutato per le sue insospettate (e sospette) potenzialità sovversive, infine studiato come esempio delle contraddizioni di un decennio, il melodramma familiare ha molto da mostrare a chi ancora oggi volesse immergersi nelle sue storie di conflitti insanabili e di rapporti incancreniti, di fughe impossibili da small town di provincia e di case unifamiliari tanto accoglienti quanto soffocanti.
Analizzando i film del regista simbolo del melodramma familiare, Douglas Sirk, così come lo straordinario contributo di autori quali Vincente Minnelli, Elia Kazan, Nicholas Ray, Richard Brooks, di «artigiani» come George Stevens, Joshua Logan, Delmer Daves, Henry King, e non per ultimi dei volti simbolo di un periodo sospeso tra classicità e modernità (Rock Hudson, James Dean, Jane Wyman, Lana Turner, Paul Newman, Elizabeth Taylor, Natalie Wood), il volume affronta temi, forme e modelli della stagione d’oro di quella che Thomas Elsaesser ha chiamato «una forma dell’immaginario», più che un vero e proprio genere.
Film come Lo specchio della vita, Come le foglie al vento, Gioventù bruciata, Il gigante, Qualcuno verrà, La gatta sul tetto che scotta, Splendore nell’erba, Scandalo al sole, visti e rivisti mille volte, usurati da anni di passaggi televisivi pomeridiani ma ancora pronti a rivelare aspetti inattesi, vengono così considerati sotto una nuova luce e svelati come l’espressione più esaltante e al tempo stesso decadente del cinema classico hollywoodiano.

INDICE

Introduzione

Il melodramma familiare e l’immaginazione melodrammatica
Un genere fantasma; Il ricatto estetico; Il materiale narrativo; La morale e l’estetica; L’occulto universo morale; Le strutture manichee; Il testo del mutismo; L’universo familiare; La cultura del visibile

Figure del melodramma familiare
Genesi stilistica del melodramma familiare; La questione ideologica; La famiglia americana: lo spirito dei tempi; La società e l’individuo: la perdita dell’innocenza; Generazioni contro; I personaggi di un melodramma familiare; l girotondo all’americana; Lo spazio e la messinscena espressiva; La scena del melodramma come idea del mondo

Fuori e dentro i confini del paese
La small town di provincia; La soglia di un mondo chiuso; L’intruder redeemer; Lo straniero e la comunità; La città; a città in un solo luogo: il locale notturno; Un altro tipo di fuga

Il paese, la comunità, l’individuo
La scena idea; Personaggi e ambiente; Una realtà compromessa; Un posto nel mondo; L’Immaginario e il Simbolico; Identità sociale e identità sessuale; Un solo tema, quattro varianti; Lo spazio e le dinamiche interiori

Il cuore del melodramma familiare
La sensibilità medio-borghese; L’altro volto della casa; Personaggi e cose; Specchi e superfici riflettenti; I luoghi della casa; A casa dalla collina

Filmografia
Bibliografia
Indice dei nomi e dei film









Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart