Home Cinema Saggi COME UCCIDERE UN'IDEA. In memoria delle "Cooperative Spettatori Produttori Cinematografici", 1950-1961
E-mail
COMBATTERE CON LE OMBRECOME UN FIUME COME UN SOGNO

COME UCCIDERE UN'IDEA. In memoria delle "Cooperative Spettatori Produttori Cinematografici", 1950-1961

Eligio Imarisio
2012
pp. 392
ill. col. e b/n
€23,00
ISBN 978-88-8012-622-5
Info su: Imarisio Eligio

Dopo “Achtung! Banditi!”. Parole per Film e “Cronache di poveri amanti”. Pagine di Celluloide (poi raccolti nel cofanetto Il Cinema in “cooperativa”. Gli anni Cinquanta di Carlo Lizzani), ecco Come uccidere un’idea. In memoria della “Cooperativa Spettatori Produttori Cinematografici”, 1950-1961: terzo ed ultimo volume di una suggestiva proposta editoriale che interessa la componente più singolare della cinematografia neorealista, ovvero la cSPc.
Se precedenti volumi, basati sulle sceneggiature originali di Achtung! Banditi! e di Cronache
di poveri amanti, vagliano i due soli film prodotti dalla “cooperativa” che poi inseriscono
nei rispettivi contesti socio-culturali  pure attraverso notevoli apparati storico-critici ed iconografici, questo libro scevera con l’inalterato metodo scientifico d’un gruppo ristretto di specialisti le condizioni molteplici che determinano la nascita, lo sviluppo e l’estinzione della “cooperativa” stessa, nel clima italiano della guerra fredda. Accrescono l’impianto saggistico del volume, a cui non mancano i contributi autorevoli di Carlo Lizzani e di Giuliano Montaldo, due folti dossier, l’uno documentativo e l’altro iconografico, ricchi di inediti. tutto ciò, volto ad esporre il caso esemplare della “cooperativa Spettatori Produttori cinematografici”, irripetuta meteora sul firmamento cinematografico apparsa a Genova, divampata a Firenze e spenta a Roma.

Comunicato stampa - Genova Mentelocale










Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart