Home Cinema Cineteca di Bologna LA SPIAGGIA DI ALBERTO LATTUADA
E-mail
LA SINTESI PROSSIMA. La riscoperta della dimensione simbolicaLA STORIA DI ROMA CITTÀ APERTA

LA SPIAGGIA DI ALBERTO LATTUADA

Tatti Sanguineti (a cura di)
2001
pp. 336
ill. b/n
€18,00
ISBN 978-88-8012-195-4
Info su: Sanguineti Tatti

La spiaggia di Alberto Lattuada (e Rodolfo Sonego) è un film nella convenzione ottocentesca delle puttane sante assunte nel cielo del neorealismo.
La puttana di questo film è finalmente una puttana e basta. In incognito perché la sua bambina ha bisogno di mare, scoprirà che le sue vicine d'ombrellone sono più puttane di lei.
Storia d'una pellicola a colori che, dieci anni prima di Deserto rosso, ridipinge il paesaggio italiano e ci dice che il nostro paese non è solo bianco o rosso. Un film che ne ha per tutti: i capitalisti, i comunisti, i filistei. Le loro donne intanto scoprono i bikini, il weekend, la tintarella di luna. Un capitolo cruciale del nostro costume (da bagno). Un film dove si fa il bagno ma nessun critico può scrivere che questo bagno in realtà è un battesimo.
Un film sincrono coi giorni caldi del caso Montesi ("chi vive da maiale e pretende di passare per giglio") a cui Scelba e Scalfato non possono togliere che qualche battuta e qualche doccia.


IL VOLUME NON E' IN VENDITA SU IBS
PER ACQUISTI TELEFONARE AI NUMERI: 0185730141 - 3358321479







Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart