Home Altre Collane Poesia FILLIDE & GECO
E-mail
FIGLI DELLA MORTE. Memorie di guerra partigianaFINALE BY THOMAS. Un viaggio tra le vie del finalese che più amo passo per passo, metro per metro

FILLIDE & GECO

Tullio Gardini
2011
pp. 66
€10,00
ISBN 978-88-8012-607-2
Info su: Gardini Tullio

Trentaquattro poesie d’amore scritte tra il 2010 e il 2011 e dedicate a Claudette,
al suo sorriso di giada, che cantale finte paure e non le vuole bruciare,
e che, come un sogno, è penetrata tra igorghi della carne e nell’encefalo esangue
del poeta, voce e ombra, corpo e vento.
All’amore viene in aiuto l’amicizia in Fillide & Geco, breve poemetto nel quale rivive il mito di Fillide che, morta per la disperazione di non poter più rivedere il suo amato e trasformata dagli dèi in mandorlo, rifiorisce in pieno inverno a nuova vita.
Geco, invertebrato amico, ascolta Fillide, la esorta, ne diventa il re, Zeus, tralcio di vite, torso di cielo, comandato dal dio della divina forza per starle al fianco.
Fillide non cede quindi alla disperazione; l’amicizia salva gli amanti dai pericoli dell’amore e del tempo che tutto trasforma.

II
Claudette canta
e le foglie d’autunno danzando
le s’adagiano festanti in grembo
d’ocra dipinte

                  canta le finte paure
che non vuole bruciare, nel bosco
sono rare le note fiorite
raccolte al piede del tralcio
là dove l’innesto ha maturata la vite.

Claudette è un impero
racchiuso nel sole
forgia splendore di papaveri
estasiati di luce
la sua voce è un diesis
che regge il cristallo del tempo

                 ma nessuno sa
quale scempio è costruito
tra gli occhi e il suo cuore
nessuno che non si pieghi
a coltivarne il dolore.









Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart