Home Cinema Cabiria. Studi di cinema CABIRIA. Studi di cinema n. 171
E-mail
CABIRIA. Studi di cinema n. 170CABIRIA. Studi di cinema n. 173

CABIRIA. Studi di cinema n. 171

Rivista quadrimestrale di studi cinematografici
III quadrimestre 2012
pp. 112
ft. 16,5x24
ill. b/n e colore
€10,00
ISBN 978-88-8012-645-4
Info su: Cinit - Cineforum Italiano

Retlaw Yensid allo specchio.
Dietro il nome un po’ impronunciabile di Retlaw Yensid si nasconde il ben più noto Walt(er) Disney, una delle figure più discusse, amate e odiate, della storia del cinema. Non era un regista né un vero disegnatore (l’unica cosa che sapeva disegnare bene era l’inconfondibile firma, divenuta ormai un logo), ma era un produttore, un tycoon di quelli di un tempo, capaci di dare personalità, stile e anche autorialità alle creazioni di cui affidava ad altri la realizzazione. Disney stava un passo indietro, come quando firmò con il suddetto pseudonimo il soggetto di un film con attori (non proprio memorabile, in verità): Il comandante Robinson Crusue (1966). Se ne stava dietro le quinte, ma sapeva orientare la sua produzione: alle volte allettato dalla Cultura e altre dal  botteghino, a volte dall’Arte e altre dall’immaginario pop (che ha contribuito a creare su scala planetaria).
Il presente fascicolo di «Cabiria» cercherà di indagare su alcuni aspetti della personalità creativa di Walt Disney, superando gli stereotipi e i preconcetti per arrivare a quanto di valido e duraturo presenta ancora il suo cinema.
Inoltre troverete un soggetto inedito di Michelangelo Antonioni dedicato al Carnevale di Rio e un’analisi finalmente esaustiva di Faust di Sokurov inserito nella sua “Tetralogia del Potere”.








Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart