Home Cinema Film SENTIERI SELVAGGI DI JOHN FORD. Un arazzo navajo
E-mail
SENTIERI DI JOHN FORDSESTRI LEVANTE. Itinerari di arte e storia

SENTIERI SELVAGGI DI JOHN FORD. Un arazzo navajo

Jean-Louis Leutrat
Con una nota di Aldo Viganò
1995
pp. 96
ill. b/n
€10,00
ISBN 978-88-8012-022-3
Info su: Leutrat Jean-Louis

1956 - Negli Stati Uniti il cinema sta per cedere il passo alla televisione. Il mondo di Hollywood è ancora sotto shock per la Caccia alle streghe. L’esperienza di produzione indipendente sostenuta da Ford con la Argosy Pictures si è appena conclusa. Sentieri selvaggi risente ampiamente di questo clima di crisi e di tensione ma il genio del suo autore ha saputo superare il disagio di quel momento e farne una delle grandi opere classiche che hanno influenzato la successiva produzione cinematografica. Una delle caratteristiche del cinema contemporaneo, il falso raccordo, è presente nel film non solo come ricorso stilistico, ma come tema, o, più precisamente, come luogo delle lacerazioni, mai completamente sanate, che costituiscono la storia americana: qualcosa di simile alla lazy line dei tessitori indiani, che non separa mai due colori o disegni, ma che passa all'interno di essi come una cicatrice. Nel realizzare il suo film più difficile e controverso, John Ford volle così rendere omaggio alla tecnica e alla cultura degli artigiani navajo. Ne scaturì un'opera di eccezionale vigore, che racchiude in sé, come ebbe a scrivere Jean-Luc Godard, “tutto il mistero e tutto il fascino del cinema americano”.








Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart