Home Cinema Film OPERAZIONE GATTOPARDO. Come Visconti trasformò un un romanzo di «destra» in un successo di «sinistra»
E-mail
OMBRE ROSSE di John FordORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SANITARI

OPERAZIONE GATTOPARDO. Come Visconti trasformò un un romanzo di «destra» in un successo di «sinistra»

Alberto Anile
Maria Gabriella Giannice
2013
pp. 404
ill. b/n e col.
€20,00
ISBN 978-88-8012-658-4
Info su: Anile Alberto - Giannice M. Gabriella

27 marzo 1963: al cinema Barberini di Roma si proietta in anteprima mondiale Il Gattopardo di Luchino Visconti. Il trionfo della serata corona un lungo lavoro di scrittura e le tante vicissitudini produttive affrontate per tradurre in pellicola il romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.
In quegli anni il libro, pubblicato dall’eretico Feltrinelli e attaccato dai critici di sinistra, era diventato un enorme successo editoriale. Tra dubbi e dissidi, gli esponenti culturali del PCI si risolsero a cambiare strategia appoggiando in pieno il progetto di Visconti: il “conte rosso” era pronto a trasformare il romanzo della sconfitta storica ed esistenziale di un aristocratico nel racconto del tradimento degli ideali risorgimentali e del soffocamento cruento delle prime lotte di classe.
L’impresa fu titanica per i mezzi economici impiegati e per la battaglia di idee che accompagnò prima l’uscita del romanzo e poi la lavorazione del film. Operazione Gattopardo ricostruisce per la prima volta il dibattito critico-ideologico che si agitò dietro i riflettori e che infiammò l’ambiente cinematografico, quello letterario e quello politico, fra liti epocali, premi letterari combattuti fino all’ultimo voto, “contrordini” di partito, contratti stracciati, scene tagliate e dimenticate. Quei conflitti, scrive Goffredo Fofi nella prefazione, «rientravano in un’epoca di enorme vivacità sociale, animata in primo luogo dalla convinzione di poter contribuire all’edificazione di una società nuova». In primo piano Luchino Visconti, sempre più coinvolto nel confronto ideale e personale con Lampedusa, un confronto che lo condurrà a cambiare il suo cinema e a soccombere felicemente al richiamo proustiano del passato.
Mantenendo l’impianto di ricostruzione storica, il volume alterna racconto, inchiesta giornalistica, analisi letteraria e cinematografica, disseppellisce notizie inedite e retroscena clamorosi. Perché il PCI cambiò idea sul romanzo di Lampedusa? Come mai il progetto cinematografico passò da Giannini a Visconti? Chi tagliò una dozzina di minuti dall’edizione integrale? Alla base del lavoro c’è una lunga ricerca di materiali inediti che riscrivono radicalmente la storia della pellicola di Visconti e aggiungono nuova linfa all’eterno dibattito sul capolavoro di Lampedusa.

Il sito Internet dell'Agenzia ANSA
Cinema
50 anni da Gattopardo ecco nuove scene
Un libro di Anile e Giannice ricostruisce la storia









Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart