Home Cinema Film CRONACHE DI POVERI AMANTI. Pagine di Celluloide
E-mail
CRISTO MI CHIAMA MA SENZA LUCE. Pier Paolo Pasolini e Il Vangelo secondo MatteoDA ACQUI ALLA RUHR

CRONACHE DI POVERI AMANTI. Pagine di Celluloide

Eligio Imarisio
2010
pp. 376
ill. b/n e col.
€22,00
ISBN 978-88-8012-548-8
Info su: Imarisio Eligio

“Cronache di poveri amanti”. Pagine di Celluloide non vuol essere una storia del film stesso, ma vuol proporne una lettura comprensibile da un pubblico senza confine; si basa sulla sceneggiatura originale di Cronache di poveri amanti del 1953 rispettata fedelmente dal curatore, che ne dà una struttura letterariamente unitaria senza intaccare l’immediatezza del parlato
Nella pellicola di Carlo Lizzani si trova l’inizio dell’affermazione mussoliniana, drammaticamente rimarcata con i fatti fiorentini dell’ottobre 1925.
Allo scopo di agevolare il miglior apprezzamento dell’intera narrazione, alcuni scritti di qualificati studiosi accompagnano tale sceneggiatura (i professori Roberto Bianchi, Marino Biondi, Eligio Imarisio, Francesco Paolo Memmo); onde attribuire la giusta credibilità alla narrazione medesima, compaiono il testo autorevole di Carlo Lizzani ed il ricordo importante di Giuliano Montaldo. Una sezione, toponomastica, presenta a mo’ di confronto le strade fiorentine dell’epoca a cui si riferisce il romanzo pratoliniano e di quella che batte la troupe di “Cronache”.
L’ultima sezione è a carattere iconografico: mostra ventiquattro fotogrammi del film; e altrettante fotografie, inerenti ai luoghi del film, scattate un cinquantennio dopo.
Siccome la sceneggiatura originale nel 1953 non serve in primis alla pubblicazione, l’intervento del curatore rispetta fedelmente il testo, a cui dà una struttura letterariamente unitaria senza intaccare l’immediatezza del parlato.









Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart